lunedì 22 settembre 2008

Lunedì 22 Settembre 2008

Il diario di Angioletta finisce con l'appunto pubblicato ieri che, ormai è quasi certo, dovrebbe essere stato scritto l'anno precedente (o addirittura qualche anno prima) e non nel 1888, così come tutti gli appunti successivi all'8 settembre 1888.
Ma non prima del 1879, prima di tutto perché Angioletta sarebbe stata troppo giovane, ma anche perché l'agendina è stata stampata sicuramente dopo il 1879. Come lo sappiamo? Perché nelle pagine finali dell'agendina sono stampate alcune pagine di informazioni postali che fanno riferimento al 1879: l'ESTRATTO DELLA LEGGE POSTALE DEL REGNO D'ITALIA (con i costi delle spedizioni postali); TASSE POSTALI PER L'ESTERO stabilite nella Convenzione per l'Unione postale universale entrata in vigore il 1° aprile 1879. (Poi altre sulle norme per la spedizione dei pacchi postali, le tariffe telegrafiche, gli stabilimenti della Banca Nazionale nel Regno d'Italia, una tabella per il calcolo degli interessi e alcune informazioni sulle tasse di bollo).

La terza di copertina dell'agendina aveva una piccola tasca che avevo aperto tempo fa, ma mai dopo aver iniziato a pubblicare il diario lo scorso gennaio, quindi mi ero completamente dimenticato cosa contenesse. La tasca conteneva tre cose: una foto di Angioletta, un bustina con un cartoncino piccolissimo (circa 3x7cm): Pietro Ardemagni e Angioletta Brugnatelli Fidanzati Milano, febbraio 1888; e una bustina in cattive condizioni con uno stemma, la scritta FARMACIA ARDEMAGNI MIRADOLO, e alcuni appunti scritti a mano abbastanza difficili da decifrare: N°6 perle ecc.

Quest'ultima busta potrebbe introdurre al racconto di cosa è successo ad Angioletta e Pietro dopo il matrimonio a partire dalla nascita di mio nonno Marco Ardemagni, l' 11 agosto 1889, il cui nome, come vuole il racconto familiare, è stato ispirato ad Angioletta dalla lettura di Marco Visconti, il romanzo di Tommaso Grossi, regalatole da Pietro il 21 luglio 1888. Marco sarà il loro unico figlio.

10 commenti:

laStreGatta ha detto...

sono un po' triste...un po' tanto...

Jex ha detto...

e ora?? ormai mi ero affezzionata ad angioletta.. cosa sai della vita della tua bisnonna?

streghetta ha detto...

...peccato! come è stato già detto sento già la mancanza di Angioletta... e poi ci ha lasciati con la curiosità di come sono stati con Piero.

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

è dunque arrivato il giorno temuto... la fine del diario..
Ora tocca a te Marco, nel senso che ci si aspetta un po' di racconti su come sono andate le cose...
dal bigliettino nella tasca dell'agendina si evince che Pietro ha poi aperto una farmacia a Miradolo...
il bigliettino del fidanzamento e la foto di Angioletta non possono essere passati allo scanner? così possiamo vederli anche noi?
e una foto ricordo del matrimonio non c'è?

Fripp ha detto...

MI associo alla sensazione di tristezza e abbandono che ci lascia la conclusione del diario, che era oramai diventato un'abitudine quotidiana.
Ciao Angioletta, auguri per il tuo futuro nel passato ...

chiara ha detto...

Allora Marco , come vedi siamo ancora tutti legati a questo blog, e pendiamo dai tuoi scritti per SAPERE!
Curioso un unico figlio per l'epoca...sono più io del 1888... ne ho tre...

la duchessa ha detto...

Nooooooo...
e come facciamo adesso?
Mi associo alla nostalgia di tutti, e alla curiosità di vedere gli oggetti nella tasca dell'agendina.
Marco, non hai altri vecchi bauli da spulciare in casa, qualche altro parente cui farci affezionare (invece di declamare versi sotto la statua di Alberto da Giussano???)? Anzi, andiamo tutti a cercare i vecchi documenti della famiglia, che ne dite?

Elena ha detto...

Grazie per questo blog e complimenti!!!
E' stato bellissimo, l'ho seguito dall'inizio... e sono curiosa anch'io di sapere cosa è successo dopo!
Complimenti anche per tutta la documentazione al contorno, veramente interessante!

laStreGatta ha detto...

Io e Jex siamo pronte per l'Angioletta Tour...dalla farmacia al cimitero...e poi tutti dal fotografo(cioè da me)a farsi foto e vedere se "NE RISULTIAMO SOMIGLIANTISSIMI".Marco ci fai da guida?Poi se vuoi puoi declamare versi al megafono, tanto ci siamo abituati.

Tappano ha detto...

apriamo il gruppo su facebook!