giovedì 15 maggio 2008

Martedì 15 maggio 1888 - s. Torquato

Ricevuto dal mio Piero oggi alle 11 un affettuosissima lettera scritta con sentimenti fini e delicati l'animo suo è così alto di principi e di sentire così sublime, che davvero mi ha commosso. Ho risposto immediatamente. Lavorato tutto il giorno per distrarmi ma è inutile, il pensiero vola sempre ad un oggetto. Sono venuti questa sera i Sig.ri Veratti.


- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 16 maggio 1888
- Torna al giorno precedente: 14 maggio 1888

1 commento:

Emma ha detto...

Mi sorprende sempre di più il perfetto funzionamento delle poste e dei mezzi di trasporto dell'epoca. Insomma 120 anni fa, una lettera spedita a Pavia, presumibilmente la sera, arrivava a Milano la mattina seguente e chi se lo aspettava? Eppoi tutti i viaggi che intraprendono amici e parenti: Lodi, Pavia, Varese, Vimercate (chissà ci andavano a fare?)...