lunedì 7 aprile 2008

Sabato 7 aprile 1888 - s. Epifanio

A mio modo di vedere: Se l'uomo sceglie a sua compagna una fanciulla, che ha praticata da un anno e che non essendo innamorato ha potuto conoscere il carattere, come mai quando l'amore alberga nel suo cuore e che ne è in gran copia corrisposto possa trovare continuamente trovare in questa donna delle osservazioni ingiuste se non assurde. E alla donna cui ha donato il proprio cuore non presta fede alle proprie parole ma bensì a quelle di una cugina dove esiste la stima?. Piero è buono affettuoso quando vuole, ma in certi momenti offende in un modo tale che si resta annientati. In questi pochi mesi che dovrebbero passare nella pace e nell'amore invece quante lagrime versai e forse verserò prima d'essergli moglie!… A me che tanto piace la pace!… Sa di avere torto, ma non cede, l'amor proprio è in lui superiore all'amore… non lo avrei mai immaginato!…


- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 9 aprile 1888
- Torna al giorno precedente: 6 aprile 1888

7 commenti:

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

ahi ahi... paragoni inopportuni e gelosie tra cugine? ma che contegno avrà mai Angioletta da essere criticata?...

Emma ha detto...

Povera, povera ragazza! Non è che visto l'epoca del marito-padrone lui sta in qualche modo cercando di "addomesticarla"?? Lei è molto innamorata ma mi verrebbe da dirle: "scappa, scappa, finchè sei tempo, se ti fa le storie ora figuriamoci da sposati!"

A. ha detto...

Come ho già scritto, secondo me Angioletta è troppo invadente.
Sempre a sbaciucchiare, non lo molla neanche quando è a letto moribondo ("lo contempla").
Pietro sta solo cercando di mantenere un proprio spazio personale.
Fripp

Clodovea ha detto...

No no no. Se fosse solo una questione di invadenza, cercherebbe solo di allontanarla un po', si negherebbe agli incontri. Invece la tiene per ore a farle la ramanzina sulle sue scarse "virtù" (non dimentichiamo il paiolo che le ha fatto col Carletto!), gliela mena con le 1000 qualità della cugina Emma ... No, mi spiace, ma sto Pietro è proprio vecchio vecchio, non è pronto per l'amore romantico del XIX secolo e per l'entusiasmo di Angioletta. Per lui ci voleva la damina ancien régime, silenziosa e accondiscendente, tacitamente devota... Spero di sbagliarmi, ma presagisco nuvole all'orizzonte.

la duchessa ha detto...

Vedo anche io delle nuvole all'orizzonte...Nere, piene di virtù e con un nome preciso: la cugina Emma.
Questo continuo paragonarla con la cugina non mi piace per niente, lo ripeto.

Marco Ardemagni ha detto...

Non c'è dubbio che Pietro sia piuttosto noioso, ma forse più per insicurezza e gelosia che per alterigia o reale severità. Non dimentichiamo che tra i due ci sono pur sempre sette anni di differenza che a questa età si sentono parecchio. Tra l'altro proprio oggi Pietro compie 27 anni. E tutto sommato il fidanzamento è una fase di stress per tutti. Però, dai, lui è troppo umorale e, temo, piuttosto incline ad offendere quando si inversa (come diciamo noi a Milano). Tra i vari aggettivi scelti da Angioletta per descrivere i malumori di Pietro quello più tenero è decisamente "asciutto oltre ogni dire" (28 marzo).

A. ha detto...

Io rimango della mia idea, anche se quanto scrive Marco è senz'altro fondato (d'altra parte lui sa già come va a a finire, come contraddirlo ...).
Pietro è senza dubbio incostante e probabilmente anche un po' presuntuoso ed egocentrico, ma Angioletta è troppo, veramente troppo invadente; lo ripeto per l'ennesima volta: possibile che uno non se ne possa neanche stare tranquillo a letto con la febbre e il mal di gola?
Fripp