martedì 15 aprile 2008

Domenica 15 aprile 1888 - ss. Calisto e C.

Oggi Domenica Pietro venne a bere il caffè ed era allegro e di buonissimo umore, passò una notte tranquilla e ne ero contentissima. Andai colla Pina alla Messa delle 12 a S. Sepolcro per poter essere in libertà alla 1. Ritornata a casa studiai, indi colla Sig.ra Capgo al cimitero a trovare i nostri morti, di ritorno a piedi dallo Zio Ercole. Ebbi a pranzo Renzo ed Emma, quest'ultima l'abbiamo accompagnata a casa. Piero di tristissimo umore, benedetto figliuolo che non sa vincersi.



- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 16 aprile 1888
- Torna al giorno precedente: 14 aprile 1888
Scegli un'altra pagina del Diario di Angioletta

8 commenti:

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

ma sono io che noto 'ste cose o è frequente la coincidenza presenza di Emma = malumore di Pietro?

chiara ha detto...

Ciao, come era la vita politica nel 1888?Avevano già diritto al voto? Puoi scriverci un post?

A. ha detto...

Anche a me lascia un po' perplesso lo stato d'animo di Piero, di ottimo umore la mattina e tristissimo la sera, in presenza di Emma (o al momento del commiato?)
E poi cosa vorrà dire: "che non sa vincersi"?
Fripp

Marco Ardemagni ha detto...

In effetti non ci avevo fatto caso, alla costanza dell' "effetto Emma" aldilà della polemica di qualche giorno fa. Ho messo però giù una specie di "borsino dell'umore" tra Angioletta e Pietro a colori, magari lo pubblico. Con "che non sa vincersi", forse intendeva "che non sa dominare i le proprie emozioni/malumori".
L'idea di chiara è molto interessante, richiede un po' di tempo, ma per me è ok. Ci lavoro.

A. ha detto...

Buona idea quella del borsino dell'umore ... attendiamo la pubblicazione.
Per inciso, chi è Renzo, citato come presente al pranzo insieme ad Emma?
Fripp

la duchessa ha detto...

Allora non eravamo stati così maligni a notare l'influenza della presenza della cugina Emma sull'umore di Piero...Ci sarà mica qualcosa che non sappiamo, e che nemmeno la nostra Angioletta sapeva?

Marco Ardemagni ha detto...

Qualche nota veloce: ho pubblicato il borsino dell'umore nella sezione Materiali e documenti (poi vediamo se spostarlo, idealmente lì volevo solo inserire le trascrizioni degli altri documenti trovati con il diario). Di Renzo sappiamo poco, il suo profilo con tutti gli altri personaggi del diario sta nella sezione "Le persone del diario" e comunque recita: "Si sa pochissimo di lui: solo che si ferma quattro volte a pranzo, le prime tre volte di domenica, a partire dal primo aprile (Pasqua). Probabilmente un parente, visto che il pranzo di Pasqua dovrebbe essere un momento importante." Infine la Sig.ra Cap.go è la signora Capponago che era già comparsa il 23 febbrajo e che tornerà anche in seguito. La sezione storica-politica sul 1888 arriverà, richiede un po' di tempo, per il momento basti dire che siamo proprio all'inizio dell'era Crispi, che subentra al governo a Depretis (il quale muore mentre è in carica nel 1887). E come il predecessore proprio in questi giorni (aprile 1888) inizia ad essere accusato di trasformismo, cioè di ondeggiare tra sinistra e destra storica, pur di mantenere il potere a dispetto di qualsiasi principio e linea politica coerente. Sono anche gli anni delle prime avventure coloniali italiane. Ma approfondiremo in seguito. Gli aventi diritto al voto, dopo l'approvazione della legge del gennaio 1882 che abbassa a 21 anni l'età e dimezza la quota di imposta necessaria per votare, sono passati dal 2,2% della popolazione al 6,9%. Le donne non voteranno fino al 1946 (vergogna!).

Marco Ardemagni ha detto...

Come mi chiedeva Chiara, ho aggiunto nella sezione Materiali e documenti un paio di link utili per chi volesse iniziare a conoscere la situazione politica italiana nel 1888.