venerdì 28 marzo 2008

Mercoledì 28 marzo 1888 - s. Sisto papa

Arrivo di Carletto trovato bene ed allegro andò Piero a prenderlo alla stazione. Il malumore continua e vieppiù accresce la mia tristezza. Questa sera era abbastanza allegro ma non del tutto amoroso. Sono oramai tre giorni che non un bacio e nemmeno una carezza mi ha fatto!… Come lo trovo cambiato in questi giorni non lo riconosco più. Pria così amabile, carezzevole ed ora invece asciutto oltre ogni dire!… Dio mio ma che cosa ho io mai fatto per meritarmi tanta trascuratezza?…


- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 29 marzo 1888
- Torna al giorno precedente: 27 marzo 1888

8 commenti:

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

Comincio a essere preoccupata anche io...

Adele ha detto...

e parecchio... Un brutto sospetto su come andrà a finire, che tristezza

A. ha detto...

E che Angioletta gli stava troppo addosso ...
Fripp

chiara ha detto...

Sarà il ritorno di Carletto ad accrescere la gelosia di Pietro?
Non era lui ad aver giocato a dama?

chiara ha detto...

Sarà il ritorno di Carletto ad accrescere la gelosia di Pietro?
Non era lui ad aver giocato a dama?

streghetta ha detto...

Ma Piero era già di malumore da qualche giorno... se è per Carletto, forse sapeva di dover andare a prenderlo in stazione, lui che aveva detto che questo Carletto non gli andava a genio!!!

Marco Ardemagni ha detto...

Fermi tutti! Qui si parla di Carletto Brugnatelli, il fratellino di Angioletta che studiava in collegio a Monza (non so esattamente quanti anni avesse). Non ha a che vedere con Carletto Bianchi, che giocando a dama con Angioletta il 20 febbraio aveva fatto rabbuiare Pietro. Come ricordavo in una nota precedente, quest'altro Carletto era Carlo Bianchi fu Gerolamo nato a Chignolo Po domiciliato in Milano Via Solferino N° 7 Ingegnere.

streghetta ha detto...

Ah, adesso è più chiaro!
Pensavo a quel poveraccio di Piero costretto ad andare a prendere l'odiato Carletto della dama!!!
Chissà allora se sapremo mai perchè Piero è di malumore e inavvicinabile.