giovedì 27 marzo 2008

Martedì 27 marzo 1888 - s. Giovanni Eremita

Oggi Martedì feci il rimanente delle camere. Venne la Sigra Perini. Pietro continuamente di malumore. Quanto mi rattrista e come ne soffro!… Abituata alle di lui carezze ne sento vieppiù la mancanza quando queste mi sono tolte!… Ed è già diversi giorni che lo trovo freddo a mio riguardo. Chissà il perché!… Dio voglia che non continui di molto questa fase.


- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 28 marzo 1888
- Torna al giorno precedente: 26 marzo 1888

4 commenti:

streghetta ha detto...

beh! che dire, il carattere di Pietro/Piero promette proprio bene! e stavolta non sembra esserci stata alcuna partita a dama compromettente se anche Angioletta si chiede il motivo di questo malumore.

fagot ha detto...

A volte ho l'impressione che Angioletta non racconti tutto dei suoi litigi con Piero. Quel "Dio voglia che non continui di molto questa FASE" mi dà l'idea di un malumore di fondo di lui, unito a una preoccupazione da lei malcelata a se stessa.
Ma aspettiamo il prosieguo degli eventi.

la duchessa ha detto...

Spezzo una lancia a favore del Piero. Magari lui aveva le sue paturnie in quel periodo, qualche preoccupazione per il lavoro, chissà...E se la nostra Angioletta amasse recitare ogni tanto la parte della ragazza 'svenevole' che tanto andava di moda allora?

Marco Ardemagni ha detto...

Il fidanzamento è comunque un momento di stress e probabilmente Angioletta e Pietro non riuscivano a comunicare completamente tra di loro (e forse nemmeno a se stessi).