mercoledì 16 luglio 2008

Lunedì 16 luglio 1888 - La B.V. del Carmine

Mamma scritto una lettera a Piero e mandata dal Luigi. Oggi arrivò D.Luigi fratello di Piero; questi andò alla stazione a prenderlo. Non lo vidi che a pranzo. Quali ore di angustia io passo!… Come il sereno orizzonte mi s'annebbia, ma possibile che io debba sempre soffrire e sopportare i dolori i più forti che vi possono essere, come quello di avere lo sposo che non perdona, e che in lui è scemato quell'affetto di cui si era certi!… Ad una persona che si ama gli si perdona, tanto più che la colpa non è tutta mia. Cielo abbia pietà dell'animo mio straziato!…


- Prosegui la lettura con il giorno successivo: 17 luglio 1888
- Torna al giorno precedente: 15 luglio 1888

5 commenti:

la duchessa ha detto...

...Tanto anche questa volta quando a lui saranno passate le incomprensibili paturnie lei sarà pronta ad accoglierlo, farsi coccolare per un paio di settimane e farsi prendere di nuovo a pesci in faccia per le successive due...

streghetta ha detto...

quello che non capisco è questo assumersi in parte una colpa anche lei....o non scrive tutto...oppure cerca di giustificare in qualche modo Piero. L'unica cosa a cui accenna è che il malumore e aumentato quando è andato di sopra il figlio Capponago (chi è?). E lei per regola di galateo è dovuta rimanere anche perchè c'era la Signora Zilioli (?). Poi da quello che ho capito questo Capponago l'ha invitata a fare un ballo ma lei non ha accettato. Sarà questa la sua colpa??!!?? Per me Piero è di quelli gelosi a prescindere, povera Angioletta!

La Cosa ha detto...

Se tutti gli uomini erano come Pietro, sono ben felice di non aver avuto vent'anni nel 1888!!!!!!!!!

Jessica ha detto...

questi uomini tutti uguali... una volta come ora!

gius ha detto...

streghetta,
non ho capito se col punto interrogativo fra parentesi tu abbia inteso dimandare chi mai sia la Signora Zilioli, o se tu t'interroghi sul nesso di causalità (o sia: vi era la Signora Zilioli, dunque per galateo Angioletta è dovuta rimanere).
Nesso di causalità che trova a mio parere due risposte concorrenti:
1. la Signora Zilioli è un'ospite, e non istà bene che venga lasciata sola; o comunque che alcun membro della casa si allontani senza giustificazione;
2. il figlio Capponago anche è un ospite e per la medesma ragione non va abbandonato; "anche perché c'era la Signora Zilioli": come a dire, "non eravamo soli io ed un altro uomo, a buon diritto sono rimasta".

gius